04.09.2024

Panorama Monferrato | Italics

4-8 settembre 2024

Panorama Monferrato
Camagna, Vignale, Montemagno e Castagnole
a cura di Carlo Falciani
4-8 settembre 2024

Oltre 60 artisti – da grandi nomi che hanno fatto la Storia dell’Arte internazionale ad artisti affermati e giovani emergenti dall’Italia e dall’estero – con opere che spaziano dalla pittura alla performance, dalla scultura alla video-arte all’installazione, accanto a grandi capolavori di arte antica. Panorama Monferrato, quarta edizione della mostra diffusa ideata da ITALICS – rete istituzionale che riunisce oltre 70 gallerie di arte antica, moderna e contemporanea e che dal 2021, con cadenza annuale, mette in relazione architettura, arte, paesaggio con il territorio e le sue comunità – restituisce dal 4 all’8 settembre uno spaccato di Storia dell’Arte dal II secolo ai giorni nostri.
La mostra curata da Carlo Falciani si ispira ai principi de La civil conversazione – opera scritta da Stefano Guazzo (nato a Casale Monferrato nel 1530) e pubblicata nel 1574 – e si articola tra vigneti, castelli e pievi, come un percorso a tappe nei paesi di Camagna, Vignale, Montemagno e Castagnole, costruendo un racconto inedito che riunisce antico, moderno e contemporaneo scoprendo, ancora una volta, un angolo straordinario d’Italia.
Panorama Monferrato è un viaggio da percorrere con lentezza, una metafora del cammino di meditazione. Così come Guazzo, attraverso i personaggi del suo racconto, dimostrava come una comunità potesse vivere solo se capace di costruire una civile conversazione, sciogliendo i contrasti attraverso il dialogo, centro dello sviluppo etico dell’uomo e della società, così il visitatore contemporaneo di Panorama compie un cammino di riflessione partendo dai contrasti quotidiani per giungere a un livello di spiritualità, anche laica, favorito dall’arte.

Come capitoli di un unico racconto, in ogni paese, attraverso le opere degli artisti coinvolti si articola un tema trasversale alle epoche, utile per portare a compimento il viaggio.
A Camagna si sviluppa il tema Lavoro e radici che approfondisce il concetto di lavoro come radice di gesti e sacrificio, ma anche espressione del territorio. Queste opere pongono l’attenzione sulla doppia anima, agricola e industriale, di tanti luoghi che, nel corso del tempo, come il Monferrato, hanno subito trasformazioni radicali.
A Vignale si affronta il tema Ritratto e identità, che vede in questa tipologia di opera un modo di esprimere e cristallizzare nella Storia l’identità di una persona o di una comunità.
A Montemagno il tema Caducità e morte racconta come, sin dal Rinascimento, la consapevolezza della morte sia stata una presenza costante nella rappresentazione dei viaggi iniziatici.
Infine, a Castagnole, viene sviluppato il tema Sacralità dell’arte, anche laica, esaltando la possibilità di straniamento dal quotidiano in favore della contemplazione.